Storia della Chiesa

303-305 d.c. Secondo la leggenda San Costanzo viene decapitato sulle pendici del monte San Bernardo
VIII sec. Ariperto II, re dei Longobardi e re d'Italia dal 702 al 712 d.c., fonda l'abazia di Villar San Costanzo (gestita dai monaci benedettini) e fece costruire un saccello a 800m. di altitudine sul luogo del martirio di San Costanzo.
X sec. I Saraceni distruggono, poco dopo il 900, l'abbazia di Villar San Costanzo, quella di Pedona (oggi Borgo San Dalmazzo) e il santuario di San Costanzo al monte.
fine XI sec. Probabilmente per volontà della contessa Adelaide di Susa viene costruito il santuario che possiamo ammirare oggi. Alcuni frammenti dell'oratorio longobardo distrutto dai Saraceni vengono incastonati nella costruzione
1162 In una bolla papale a favore del monastero di Sant'Ambrogio a Milano si parla di San Costanzo
1190 Un decreto dell'arcivescovo di Milano dispone protezione all'abate Ottone ed al suo monastero di Villar San Costanzo affiliatosi alla diocesi milanese.
XIII sec. La chiesa viene ampliata nella parte anteriore (verso ovest) e munita del vestibolo che consente l'accesso ai due piani.
1580 Nella cripta sono rinvenute le reliquie di San Costanzo traslate poi nella chiesa parrocchiale di San Pietro in Vincoli.
XVIII sec. (1771) Si realizza la facciata Ovest (quella che si vede arrivando dalla strada) e il forno. Viene abbattuto il campanile perchè pericolante e sul moncone si realizza un semplice campaniletto a vela.
1803 I monaci benedettini cessano la loro opera millenaria.
1830

Dopo la vendita del 1830 si costruiscono edifici rustici a ridosso di quasi tutta la chiesa.

La casa a destra del portone carraio, nonstante l'imitazione di antiche finestre in cotto risale al 1859 circa.

La storia

Le date degli episodi più significativi nella storia del Santuario di San Costanzo al Monte.

Altri luoghi

La raccolta degli altri luoghi, monumenti, affreschi... dedicati alla figura di San Costanzo.

Visita virtuale

Per scoprire i particolari e le parti più interessanti del monumento da visitare.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso, continuando la navigazione accetti l'informativa sui cookies.